Presidio ospedaliero Santa Barbara, riattivato l’ambulatorio di Endoscopia digestiva. Soddisfatto il sindaco Altomare

LA DIREZIONE generale dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza dimostra di mantenere gli impegni assunti, la massima attenzione operativa sull’Ospedale “Santa Barbara” di Rogliano e di dare corso ad ogni opportunità di potenziamento dello stesso presidio.

Presso l’Unità operativa semplice di Medicina interna ad indirizzo di Diagnostica strumentale del “Santa Barbara”, diretta dal dottor Mario Balsano, è stato riattivato, dopo circa tre anni, l’ambulatorio di Endoscopia Digestiva, del quale è responsabile la dottoressa Maria Maletta. Il servizio ridurrà le liste di attesa dell’”Annunziata” di Cosenza. Tale importante attività ambulatoriale si aggiunge a quelle già in funzione di Cardiologia ed Ecografia e a quelle specializzate per visite internistiche e diabetologiche. Il sindaco di Rogliano, Giovanni Altomare, manifesta la sua soddisfazione e conferma come “il presidio ospedaliero del Savuto sia sempre più destinato a recuperare il proprio ruolo nel quadro di quelle operazioni di riqualificazione e rilancio già previste dall’Azienda”. “L’Amministrazione comunale – sottolinea Altomare – dà atto al direttore generale Achille Gentile e al dottor Mario Balsano di essersi impegnati in questa direzione e di avere fortemente voluto l’ambulatorio di recente riattivazione, a riscontro delle reciproche interlocuzioni finalizzate a dare all’ospedale concreti motivi di potenziamento. Ciò detto, non possono trovare spazio esposizioni politiche tali da alimentare preoccupazioni sui destini del nosocomio, rispetto ai quali resta sempre alta la guardia della compagine amministrativa”. “Va, piuttosto, notato – aggiunge il sindaco – che reparti e servizi sono fruibili non solo dall’utenza della valle del Savuto, ma anche da quella dell’intero bacino aziendale, in corrispondenza della obiettiva esigenza di integrazione dei presidi e di decongestionamento dei flussi diretti verso il principale ospedale della città capoluogo. In questo senso, l’amministrazione comunale – conclude Altomare – ha sempre sollecitato provvedimento di valorizzazione del “Santa Barbara” nient’affatto per spinte localistiche, bensì per l’efficienza dell’intero sistema sanitario aziendale e per la copertura di tutto il territorio montano e vallivo a sud di Cosenza”.

Data: 24 aprile 2019.

Fonte: Comune di Rogliano (Cosenza).

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com