Vetere, Bendicenti e Rota: gli eroi roglianesi della “Banda del Trionfale” *

di Gaspare STUMPO*

“Se della tradizione socialista roglianese, nel cui ambito sono state individuate genesi e ragioni dell’antifascismo locale, Sarcone, Lupia e pochi altri ne costituirono l’elemento operaio, Donato Bendicenti, una delle figure più fulgide della Resistenza romana, martire alle Fosse Ardeatine, ne rappresentò quello intellettuale”. Nel libro <Fascismo e Antifascismo in Calabria> di Leonardo Falbo il ruolo di Natino Bendicenti è tracciato con intensità non solo per l’aspetto politico ma anche per la statura morale del giovane avvocato in rapporto agli ideali di Patria e agli stessi eventi che portarono alla conquista della democrazia nel nostro Paese. Bendicenti occupa un posto importante nella storia della Resistenza Italiana per essere stato parte attiva della “Banda del Trionfale” guidata dal colonnello Stanislao Gregorio Maria Vetere e composta, tra gli altri, dalla figlia Walkiria e da Carmelina Rota. Tutti di origine roglianese. Tutti impegnati nella lotta contro l’oppressore, eroi per coraggio, capacità di sacrificio e amore per la Patria.

*Direttore responsabile www.savutoweb.it gasparemichelestumpo@pecgiornalisti.it )

Data: 25 aprile 2019.

Fonte: ‘Parola di Vita’.

Il servizio completo sul 75 anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine  e sugli eroi roglianesi della Resistenza Romana e’ stato pubblicato sul

n. 12 del 04 aprile 2019 del settimanale ‘Parola di Vita’

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com