Confronto urgente sulle politiche industriali in Calabria *

di Massimo COVELLO *

E’ DAVVERO drammatica la situazione del lavoro industriale  che si sta delineando in Calabria, in uno scenario critico dell’intero Paese,  e non si comprende  l’indifferenza e la sottovalutazione dei diversi protagonisti sociali, politici,  istituzionali. Ne è riprova, pur comprendendo la consistenza e complessità  dei problemi e dopo diverse sollecitazioni informali,  la mancanza di risposte, a circa due mesi di distanza, alla nostra richiesta di attivare un confronto sulla condizione dell’apparato industriale metalmeccanico  in questa fase a valle dei tragici mesi di lockdown, da parte dell’assessorato regionale alle attività produttive.  Non si può  aspettare, ne tergiversare, la pandemia ha solo reso clamorosa una crisi “strutturale” del lavoro manifatturiero  e metalmeccanico, in Calabria, costituito perlopiù da imprese piccolissime, artigiane e contoterziste, scarsamente, se non del tutto, attenzionate,  perfino scarsamente rappresentate.

Allo scoppio della pandemia importante è stato il blocco dei licenziamenti e l’attivazione degli ammortizzatori sociali, con una procedura negoziata che ha aiutato l’instaurarsi di relazioni sociali e sindacali, di cui molti lavoratori ancora non hanno ricevuto i benefici e di cui  si avverte l’urgenza della proroga,  ma non basta, pena l’esplosione di un drammatico autunno, di cui si avvertono già i segnali.  Serve  avere un prospetto chiaro delle misure attivabili sul versante regionale a sostegno del lavoro e delle imprese; serve una verifica possibile degli impatti delle misure nazionali e comunitarie; serve impostare una  ricerca e verifica dei fabbisogni professionali e della eventuale attivazione di politiche attive del lavoro dedicate alle produzioni industriali, in specialmodo recuperando ed estendendo la progettualità innovativa legata a “Industria 4.0” nella Regione. Come  Fim –Fiom e Uilm rivendichiamo con forza, anche in Calabria, l’attivazione di una “regia pubblica” in grado di selezionare e indicare priorità, orientare investimenti e sostegni, verificare quale ruolo possono e debbono esercitare le partecipate pubbliche regionali e nazionali, verificare gli impatti occupazionali di asset  strategici per ripensare la specializzazione produttiva della nostra regione, nonché la sua  crescita sociale, culturale e civile come: le infrastrutture digitali strategiche, la  mobilità sostenibile, energia,  cicli dell’’acqua, dei rifiuti, della depurazione, domotica, logistica,  ecc.  In questo quadro, Fim – Fiom e Uilm della Calabria hanno piena consapevolezza che va combattuta e sconfitta la logica di quanti pensano che la ripresa e la tenuta dell’attività industriali nella nostra regione possa  avvenire attraverso la continuazione di  politiche i cui fallimenti sono sotto gli occhi di tutti come, la riduzione dei costi, la precarizzazione, lo smantellamento dei diritti contrattuali, l’introduzione formale di “nuove gabbie salariali”, l’indifferenza alla salute  ed alla sicurezza nei luoghi di lavoro.  Per questo motivo nel  continuare a sostenere le ragioni che hanno portato Fim –Fiom – Uilm  il 25 giugno scorso alla manifestazione nazionale a Roma, oggi rivendicano la necessità di riprendere i negoziati per i rinnovi di tutti i CCNL in cui si articola la nostra rappresentanza. Fim –Fiom – Uilm della Calabria ritengono indispensabile riprendere, tenuto conto di tutte le disposizioni di legge in essere, l’iniziativa e l’agibilità sindacale, ed annunciano già fin da ora oltre che un articolato piano di assemblee, la convocazione di un attivo unitario dei delegati e delle delegate  a sostegno delle suddette rivendicazioni. 

* Segretario regionale Fiom-Cgil

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *