La Valle del Savuto farà parte del “Cammino di Sant’Antonio da Padova”

LA VALLE del Savuto sarà inserita nel “Cammino di Sant’Antonio da Padova”. Un tracciato di fede promosso dai Frati della Basilica di Padova e dall’associazione “il Cammino di Sant’Antonio”. Itinerario che interessa l’Italia e che diventa opportunità per l’area del sud Cosentino in chiave naturalistica, architettonica e storica. Consentirà a pellegrini o a semplici camminatori giunti in Calabria di godere del suggestivo habitat del comprensorio, del verde dei suoi sentieri, delle acque cristalline del fiume, dei ponti antichi in un’area che è scrigno di fatti, leggende e tradizioni. Cammino che è già realtà nel nord della Penisola e che ora guarda a Sud. I chilometri calabresi hanno inizio a  San Marco Argentano dove il Santo è sicuramente passato. Molte le località che hanno ratificato istituzionalmente il “Cammino di Sant’Antonio”, da Cosenza a Reggio. Non ultima la Regione Calabria, nel 2019. Un progetto che si inserisce nel “territorio Savuto” dandone risalto anche promozionale. “Savuto e i suoi sentieri” sono stati tema dell’incontro (nella foto) che si è tenuto presso la Cittadella Regionale alla presenza dell’assessore al Turismo, Fausto Orsomarso, e del presidente dell’Anir, Bruno Sicilia. Un incontro cordiale e propositivo incentrato su bellezze e peculiarità di un’area che punta al rilancio definitivo attraverso un pacchetto di proposte legate al turismo esperienziale e di nicchia peraltro già collaudate nei mesi scorsi. “Conosco il territorio, ne apprezzo le bellezze, lo rivedo con piacere tramite il vostro video. Grazie alle informazioni che mi avete fornito, è mia intenzione farvi visita e vivere questi luoghi”. Così, a margine dell’incontro l’assessore Orsomarso. Che ha rilanciato: “consiglierò ai componenti della Giunta titolari delle deleghe all’Agricoltura e all’Ambiente di condividere l’esperienza, conoscere i posti e studiare la migliore strategie per la promozione (e fruizione) del Comprensorio del Savuto”.

(Massimiliano Crimi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *