Fase 2. Le disposizioni della Diocesi di Cosenza sulla celebrazione dei funerali

Il direttore dell’ufficio liturgico, don Luca Perri, d’intesa con l’Arcivescovo di Cosenza-Bisignano, monsignor Francesco Nolè, ha provveduto a stilare un Sussidio contenente le indicazioni liturgiche e sanitarie per le celebrazioni esequiali in questo periodo di emergenza, alla luce della Nota complementare e successive indicazioni al Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri sulla possibilità di celebrazione delle esequie da oggi 4 maggio.

Le indicazioni vengono date al fine di conservare l’unità dei comportamenti, pur nel rispetto delle legittime esigenze di ogni parrocchia, su invito dell’Arcivescovo, presento queste indicazioni per la celebrazione delle esequie nella Fase 2 della pandemia, e per meglio esplicitare quanto presente nelle disposizioni fino ad ora emanate dalle competenti autorità civile ed ecclesiastiche. Le esequie cristiane non sono solo come doveroso ultimo atto di carità della Comunità verso un suo membro ma anche un’opera di misericordia verso coloro che piangono per la perdita di una persona cara.

Mentre si rimanda al testo completo delle Indicazioni (in allegato) si evidenziano i punti importanti di esso:

  1. Informare e sensibilizzare ad un controllo personale della temperatura. Per la partecipazione sia al di sotto dei 37,5°.
  2. Comunicare alle autorità competenti gli orari delle celebrazioni per una maggiore e più sicura partecipazione.
  3. Si evitino gli assembramenti; potranno partecipare max 15 persone, sia in Chiesa che in Cimitero. I fedeli evitino di spostarsi e prendano il posto indicato. Anche per la comunione sarà il ministro ad avvicinarsi da loro. Indossino tutti i sistemi di protezione e particolarmente la mascherina.
  4. Si individui uno spazio all’aperto nella zona cimiteriale o parrocchiale o eventualmente una chiesa grande.
  5. Sono proibiti scambio di pace, saluti e condoglianze.
  6. Le celebrazioni si svolgano in un tempo il più possibile contenuto.

Fonte: Parola di Vita (Arcidiocesi Cosenza-Bisignano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *