Rogliano, cittadinanza onoraria al capitano Bologna e al dottor Mastroianni. La richiesta di Citino al Comune

“CONFERIRE la cittadinanza onoraria al capitano dei Carabinieri, Mattia Bologna, e al medico Antonio Mastroianni”. È l’incipit della missiva che il presidente dell’Associazione “La Fontana” Leonardo Citino recapiterà nelle prossime ore, a mezzo posta elettronica, a tutti i consiglieri comunali e al sindaco di Rogliano. Lo ha anticipato nel corso della puntata di <CasaCrimi> andata in onda ieri sera. Una lunga intervista per Citino ai margini dell’emergenza Covid-19 con riferimento ai mesi di operatività e volontariato. Questo l’argomento principale, oltre ai ringraziamenti a chi è stato al suo fianco: “senza tanti amici e volontari nulla sarebbe stato possibile”. L’associazione “La Fontana” facendo rete con altre realtà del territorio si è adoperata per assistere cittadini, personale medico e commercianti nel corso della pandemia e nel frangente della zona rossa assegnata al principale centro del Savuto. Pacchi alimentari, dispositivi di protezione individuale, assistenza psicologica, distribuzione a domicilio di farmaci e di derrate alimentari per consentire ai cittadini di ottemperare al “resto a casa”. “Mi auguro che la mia richiesta venga presa in considerazione. È doveroso riconoscere merito a due figure cardini. A chi non ha risparmiato forze e coraggio nel fronteggiare il virus”. È quanto sostiene Leonardo Citino motivando la sua richiesta. “Tra le corsie dell’ospedale, nel pattugliare le nostre strade – spiega – ci sono stati uomini e donne in prima linea che hanno messo a repentaglio la propria incolumità. Non dobbiamo nel silenzio dimenticare. Un grazie va a tutti i cittadini che egregiamente hanno seguito a menadito tutte le regole principali per arginare il contagio ma, dobbiamo essere orgogliosi di aver incontrato nel nostro cammino, personale medico e forze dell’ordine pronte a rispondere ad ogni esigenza del territorio”. Ricordiamo che il capitano Mattia Bologna è il comandante della Compagnia Carabinieri di Rogliano, mentre il dottor Antonio Mastroianni è il direttore del Reparto di Malattie Infettive del presidio Ospedaliero “Annunziata” di Cosenza dove gran parte dei residenti del Savuto colpiti dal virus sono stati ricoverati e curati.

(Massimiliano Crimi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *