Santo Stefano di Rogliano, appello ai vacanzieri: “chi rientra comunichi”

ESTATE. È tempo di vacanze. Spesso e volentieri a ripopolare i nostri centri urbani sono cittadini e/o parenti dello stesso Comune che per lavoro e vivono in altre regioni o in altri Stati. La presenza di veri e propri turisti risulta ancora oggi, infatti, un dato tristemente non rilevante se non del tutto scarsamente registrato. Anche se luoghi da vivere e dal forte richiamo culturale, religioso e naturalistico il Savuto ne è scrigno. Comunque a tutti coloro che intendono soggiornare e vivere questi posti, proprio a loro è rivolto l’appello di alcuni sindaci del Savuto. Dopo Giovanni Lucia, primo cittadino di Colosimi, anche Santo Stefano di Rogliano si rivolge al buonsenso dei non residenti. Dalla pagina social Facebook, si riporta testualmente l’avviso pubblico diramato in giornata: “si avvisano tutti coloro che intendono fare ritorno nel comune di Santo Stefano di Rogliano da altre regioni italiane che, oltre all’obbligo di registrazione sulla piattaforma regionale www.rcovid19.it come da ordinanza del presidente della Regione n. 49 del 3/6/2020, possono, su base volontaria, comunicare il proprio rientro al Comune telefonicamente ai numeri 0984/969141(centralino) o 348/5334072 (Polizia Municipale) al fine di consentire la trasmissione dei dati all’Asl di Rogliano per l’effettuazione del tampone a scopo meramente preventivo e a tutela della salute pubblica”.

L’augurio che tale azione di comunicazione sia tempestivamente condivisa dagli altri sindaci del comprensorio. Riabbracciare, accogliere e coccolare i vacanzieri è certamente un’azione meritoria, tutelare la salute pubblica è quanto meno doveroso. Nessuno vuole tornare indietro nel tempo, non siamo gamberi ma guardiamo avanti nel rispetto di tutti. Residenti e non.

(Massimiliano Crimi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *