Un “disastro” chiamato Piano Lago – Medio Savuto. Sciarratta sollecita il Governo

“DISSESTO e abbandono ma anche assenza di provvedimenti rispetto allo stato delle cose”. L’assessore con delega alla Cultura del Comune di Carpanzano, Lillo Sciarratta, ha spedito una nuova lettera al sottosegretario di Stato alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri. L’argomento della seconda missiva è sempre lo stesso: il mancato completamento della strada a scorrimento veloce Piano Lago – Medio Savuto, quindi, la situazione di estrema pericolosità in cui versa il tracciato a causa di accentuate forme dissesto e di degrado ambientale. Dopo quella inviata il 3 marzo scorso, Sciarratta ha riproposto l’argomento ribadendo all’esponente di Governo la necessità di un intervento per “smuovere le acque” in direzione di una ripresa dei lavori capace di garantire il completamento dell’opera e l’implementazione di un corridoio viario alternativo alla Salerno-Reggio Calabria, in grado di assicurare un collegamento migliore tra le città capoluogo e le Comunità interne delle due province.

“Da oltre un trentennio continua ad esserci la più totale indifferenza da parte della classe politica” – ha ribadito Sciarratta chiedendo a Cancelleri ascolto e considerazione. “Sono certo – ha scritto – di una sua risposta ritenendola persona concreta e responsabile non appartenente a quella schiera di politici dalla sapiente efficienza parolaia e dalle tiepide letterine di ogni consentito interessamento”. La risposta, purtroppo, non è ancora arrivata. Parte di un progetto che nelle intenzioni di chi lo aveva concepito era destinato a collegare le periferie di Cosenza e di Catanzaro attraverso le aree del Savuto e del Reventino, la superstrada (o ciò che resta di essa) è in condizioni di precarietà strutturale e nessun intervento è stato apportato nonostante gli appelli e le denunce che si sono susseguiti negli anni. Un destino difficile anche in rapporto all’arteria “gemella” – a tutt’oggi in fase di realizzazione: la Coraci-Marcellinara.

(Gaspare Stumpo)

Fonte: Parola di Vita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *