“Trattati come appestati”. Nota-denuncia dell’Amministrazione comunale di Rogliano

I CITTADINI di Rogliano vengono trattati come “appestati”. La città, definita “la Codogno della Calabria”, viene considerata come un lazzaretto. Diciamo “basta!” ad un immaginario che denota, per lo più, ignoranza e assenza di senso civile. I lavoratori di Rogliano vengono respinti dai luoghi di lavoro e a Rogliano ci sono lavoratori che, da fuori, non intendono venire a lavorare nel timore di contagi. Eppure, sono state assunte tutte le misure più stringenti. I casi sono limitati a pochi ambienti circoscritti. L’intera popolazione sta seguendo disciplinatamente tutte le disposizioni che le sono state indirizzate. L’Amministrazione comunale ha lamentato questa situazione in una nota indirizzata al presidente della Regione, al Prefetto di Cosenza, all’Asp e alle organizzazioni sindacali più rappresentative. Eccone il testo integrale. “Questa Amministrazione comunale si vede costretta ad esporre i casi di numerosi lavoratori di Rogliano ai quali viene impedito l’accesso nei rispettivi posti di lavoro sol per il fatto che essi risiedono in un Comune individuato come “Zona rossa”. Ciò avviene, come risulta da provvedimenti, sia pure non specifici, e da note pubblicate su testate on line e sui social, con il “transeat” di sindaci, che, così facendo, finiscono per legittimare comportamenti inammissibili, destinati ad alimentare una psicosi collettiva contraria ad ogni criterio di gestione dell’emergenza Covid. Questo avviene in danno di lavoratori perfettamente sani, personalmente dotati di ogni dispositivo di sicurezza e di regolare autocertificazione, tanto che viene loro consentito ogni giustificato spostamento al di là della (attentamente vigilata) “Zona rossa”. “Analogo problema questa Amministrazione è costretta ad affrontare verso quei lavoratori che, dovendosi recare a Rogliano per ragioni di lavoro, si rifiutano di farlo per lo sconsiderato timore di contagio, sconsiderato sia in quanto, in sede locale, sono in vigore tutte le più stringenti misure adottate per il contenimento della diffusione del virus, sia in quanto la popolazione ha dimostrato e sta dimostrando di essere totalmente rispettosa delle prescrizioni che le sono state rivolte”. “Tali atteggiamenti contrastano palesemente con il senso della civiltà che dovrebbe ispirare, soprattutto in un momento difficile e drammatico come quello attuale, la condotta delle amministrazioni locali, tenute, tra l’altro, a favorire il lavoro e l’occupazione”. “Rivolgiamo, pertanto, un appello affinché i destinatari, ciascuno per la propria parte, voglia assumere ogni iniziativa utile a scoraggiare e a prevenire comportamenti che, indubbiamente, pregiudicano e compromettono il costante lavoro di chi, a qualsiasi livello, è impegnato sui diversi fronti della tutela della salute pubblica e della gestione dei drammi sociali sempre più in emersione”.

Fonte: Comune di Rogliano (Cosenza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *