Al via il progetto di Protezione Civile ‘Città  di Rogliano’

“LA PROTEZIONE civile è di tutti ma nessuno può pensare di gestirla a proprio uso e consumo”. E’ quanto ha ricordato il coordinatore Aib della Protezione civile calabrese, Nicola Giancotti, al termine del convegno di presentazione dell’associazione di protCiv – onlus, che si è tenuto nei giorni scorsi a Rogliano alla presenza di amministratori, tecnici di dipartimento ed esponenti dell’associazionismo. Giancotti ha evidenziato l’esperienza regionale nelle piccole e grandi emergenze, la natura dei rischi, il rapporto con il mondo del volontariato, le indicazioni e gli obiettivi fissati dal nuovo esecutivo regionale. Il dirigente ha posto l’accento sulle funzioni dei 64 Com (Centri Operativi Misti) sparsi sul territorio e sulle relazioni con gli enti locali, i progetti per le scuole e quelli destinati alla formazione. Nicola Giancotti, che nell’occasione ha parlato di imminente screening ma anche di ottimizzazione delle strutture associative – “la prevenzione può costare meno della ricostruzione”. “Ecco perché – ha spiegato – la Regione Calabria punta molto sul volontariato, quello serio”. Il tema dell’incontro “Volontariato di Protezione Civile – Una rete per il Savuto” è stato introdotto dal presidente Aurelio Scaglione che ha illustrato il programma e gli obiettivi della sua associazione. Un organismo dinamico che punta alla tutela della collettività , dell’ambiente e del patrimonio attraverso attività  di prevenzione, assistenza e soccorso. Scaglione ha presentato le caratteristiche della onlus, quindi il progetto che attiene alla base operativa costituita dall’area e dalle pertinenze dell’elisuperficie comunale, che verranno presto ammodernate, adeguate e debitamente attrezzate. La Protciv ‘Città  di Rogliano’ baserà  la propria attività  su formazione, competenze e rapporto con le istituzioni. Alla manifestazione hanno partecipato anche il sindaco Giuseppe Gallo e il presidente della Comunità  montana del Savuto, Giovanni De Rose. Entrambi hanno manifestato entusiasmo per la costituzione del sodalizio e per la possibilità  di avviare un percorso destinato alla creazione di una rete d’intervento locale, rivendicando maggiori attenzioni in termini di risorse umane, economiche e strumentali da parte di Stato e Regione. In particolare, Giovanni De Rose ha ribadito l’urgenza di ottenere il decentramento di fondi e funzioni per consentire agli enti montani di garantire competenze e servizi alle diverse comunità  della vallata. Il convegno è proseguito con le relazioni tecniche del funzionario dell’Unità  operativa n° 6 – Cosenza della Protezione civile, Gaetano Rizzuto, del geologo Sandro Giampietro e del dirigente dell’associazione di protCiv ‘Madonna del Rosario’ di Mendicino, Raffaele Scionti, il cui presidente, don Enzo Gabrieli, ha fatto pervenire all’assemblea un messaggio di augurio e incoraggiamento. “Il volontariato di Protezione civile – ha detto il sacerdote – è formazione, operatività  ma anche segno di speranza”.

Gaspare Stumpo


Nella foto: Scaglione, Giampietro, Scionti, Stumpo, Giancotti, Gallo, De Rose e Rizzuto.

Fonte della Notizia: Il Quotidiano della Calabria.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com