Cosenza, alla Bibiblioteca Nazionale personale di pittura di Grazia Calabrò

IL 14 FEBBRAIO alle 17.00, presso la Biblioteca Nazionale di Cosenza, sarà  inaugurata la mostra personale della pittrice Grazia Calabrò, il cui pensiero artistico sarà  illustrato dal Critico d’Arte Dott.ssa Alessandra Primicerio. La mostra è stata denominata “Festa dei colori”, proprio perché le opere dell’artista sono”vive”, ricche di luce e  caratterizzate da colori brillanti. La pittrice, dopo un periodo di pittura solitaria, già  da qualche anno si è aperta al mondo dell’arte, partecipando a mostre collettive prestigiose e riscuotendo giudizi positivi anche da maestri ed artisti di rilievo. L’anno 2012 è stato, in particolare, un anno ricco di riconoscimenti e premi, fra cui  il  Premio F. Terracina, il Premio Ercole di Brindisi, Il Premio Mare Nostrum Mediterraneo, il Premio Città  di Taranto. Svariate sono state anche le segnalazioni di merito ottenute.  L’artista predilige la tecnica olio su tela, anche se non disdegna disegnare, semplicemente con la matita, con la biro o anche con la china. Solo pochi giorni fa un suo disegno, il ritratto della grande poetessa Alda Merini, è stato scelto come logo per il Premio omonimo indetto dall’Accademia dei Bronzi e dalle Edizioni Ursini di Catanzaro, un Premio di prestigio insignito della medaglia ufficiale del presidente della Repubblica. Una grande soddisfazione per la pittrice, che da sempre ha nutrito grande ammirazione verso la poetessa. Il Critico d’Arte Primicerio scrive di lei : “Nei paesaggi di Grazia Calabrò regna una silenziosa pace che stimola la fantasia e il cuore esprimendo armonia e, sembra quasi di assaporare la fragranza della neve o il profumo del mare. Interessante è l’effetto luministico che celebra l’aspetto lirico della veduta. Le sue nature morte, come i paesaggi, calmano e allietano, riaccendendo nell’astante un’emozione innata. Attraverso le pennellate dell’artista, gli oggetti abituali e quotidiani acquisiscono vigore rievocando la “magia dell’arte”. Queste immagini trasmettono sensazioni di freschezza, provenienti dai fiori, dalle foglie, dall’erba, dai frutti. L’immagine è a tal punto ravvicinata da poter quasi entrare nel quadro”.

Nella foto: "La casa delle margherite” vincitore del Premio Terracina, organizzato dal centro culturale Bachelet di Cosenza.

Per info: www.graziacalabro.it

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com