Sopralluogo di Caligiuri agli scavi archeologici di Nocera Terinese

NELL’AMBITO del check-up dei beni culturali calabresi, l’Assessore Regionale alla Cultura Mario Caligiuri (nella foto) ha visitato questa mattina gli scavi archeologici del Pian della Terina di Nocera Terinese, un sito al centro del dibattito sull’ubicazione storica dell’antica Temesa, l’insediamento di cui parlò Omero, e di Tempsa, colonia romana del 194 a.C. “La Calabria – afferma Caligiuri – anche sotto la sua superficie nasconde tesori inestimabili, come dimostra il ritrovamento del più grande mosaico ellenico della Magna Grecia rinvenuto nei giorni scorsi a Monasterace. Anche i recenti studi condotti sul sito del Piano di Terina di Nocera Terinese stanno facendo affiorare scoperte archeologiche di straordinaria rilevanza”. Le indagini sono condotte da Luigi Cicala dell’Università  "Federico II" di Napoli, con la collaborazione della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria diretta da Simonetta Bonomi e dell’ufficio territoriale guidato da Gregorio Aversa. Il coordinamento scientifico degli scavi e’ affidato a Maria Luisa Tardugno, dell’ateneo napoletano, con la collaborazione di Federico Cella dell’Università  della Calabria. Le ricerche hanno portato alla luce un insediamento brezio risalente all’età  ellenistica, un’estesa area funeraria e due edifici di età  romana. A ricevere l’Assessore Caligiuri, oltre a Luigi Cicala, Maria Luisa Tardugno e Gregorio Aversa, il Sindaco di Nocera Terinese Rino Rocca e  studenti e laureandi del corso di Archeologia dell’Universita’ "Federico II" di Napoli.

Fonte: caligiuri.it

Data: 31 luglio 2013.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com