“Percorsi di alleanza educativa tra scuola e territorio”. Tre giorni promossa dall’Istituto Comprensivo di Grimaldi-Mangone

L’Istituto Scolastico di Mangone-Grimaldi ha organizzato una serie di eventi legati al tema della Legalità. Tre giorni di dibattito e confronto alla presenza di alunni, docenti, rappresentanti delle istituzioni, esperti di settore, esponenti dell’associazionismo e dello sport che hanno contributo, ognuno per le proprie competenze, ad arricchire una discussione peraltro molto articolata, ricca di riferimenti e di spunti di riflessione.  “L’educazione dei giovani non può essere delegata alla scuola bensì – ha spiegato il dirigente scolastico Mariella Chiappetta – al quadrilatero scuola, famiglia, istituzioni e mondo dell’associazionismo. Da qui l’idea di coinvolgere alcuni tra i principali attori del territorio in un evento in grado di porre sotto la lente d’ingrandimento gli aspetti della formazione in rapporto alle tendenze sociali e al progresso scientifico avendo come riferimento il benessere, la pace e i diritti. La scuola, dunque, come trait d’union tra agenzie educative per offrire agli alunni un percorso pedagogico e curriculare organizzato, coerente, efficace, in linea con la modernità ma, soprattutto, sano, inclusivo, capace di interfacciarci, di valorizzare le inclinazioni personali e il talento. Di contrastare il disagio e le devianze. “Per educare un bambino – ha sottolineato la preside citando un antico proverbio africano – ci vuole un intero villaggio”.  Alle Giornate della Legalità promosse presso la sala “Madre Teresa di Calcutta” di Grimaldi hanno partecipato (e sono intervenuti) i sindaci Carlo Ferraro, Orazio Berardi, Lucia Papaianni, Mario De Rosa, Michele Ambroggio, Antonio Basile, Pasquale De Rose e Lucia Nicoletti, gli assessori comunali Pasquale Filice e Domenico Spadafora, il comandante della Compagnia Carabinieri di Rogliano, Mattia Bologna, il responsabile di Anci Giovani, Marco Ambroggio, il presidente del Rotary Club Valle del Savuto, Pietro Rizzuto, i ripresentanti delle associazioni Re Marcone, Enzo Ferraro, Progetto Paterno, Antonello Tucci, Grimoaldo, Sandro Tartaro, della Comunità Ebraica di Cosenza, Pina Brenner, l’istruttore di Judo, Eugenio Remorini. Il presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, Nicola Morra, ha inviato un video-messaggio. Il programma, che ha previsto una sezione sulla Comunicazione Responsabile, è stato coordinato con successo dai professori Gabriella Valentini e Michele Mazzei. L’evento ha coinvolto i plessi di Belsito, Figline, Grimaldi, Malito, Mangone, Piane Crati, Paterno e Santo Stefano.

Gaspare Stumpo

Data: 22 febbraio 2019.

Fonte: ‘Parola di Vita’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com