Lettera a Oliverio del presidente della Comunità  montana

Colosimo ricorda la questione del trasporto pubblico locale
In una lettera indirizzata al presidente Mario Oliverio e al consigliere provinciale Marino Reda (responsabile Commissione Trasporti), il presidente della Comunità  montana del Savuto, Anna Aurora Colosimo, ripropone all’attenzione dell’istituzione Provincia la questione del trasporto pubblico locale, ricordando le leggi di riordino del settore, il passaggio di deleghe delle competenze, quindi la necessità  di costruire un sistema di trasporto “il più vicino possibile alle reali esigenze dei territori e dei cittadini amministrati”. Nell’occasione, il presidente  mette in evidenza anche il ruolo delle comunità  montane “coagulo delle istanze” dei territori di riferimento. “Dopo aver avuto modo di verificare l’attenzione per il Savuto che l’Assessorato ha avuto nella proposta dei servizi minimi basati sull’attuale dotazione infrastrutturale – scrive Colosimo –  nasce l’esigenza di passare alla fase successiva, che è forse quella più importante, ovvero come delineare il futuro del Trasporto Pubblico Locale nel contesto già  evidenziato dello sviluppo e del sostegno alle economie della provincia”. “Vogliamo, insomma – aggiunge il presidente – dare il nostro contributo nella definizione del P.T.S. di competenza provinciale, che per forza di cose dovrà  confrontarsi con le competenze dello stesso P.T.S. di competenza regionale”. Nella missiva, Anna Aurora Colosimo sottolinea, quindi, l’importanza strategica dell’Università  della Calabria quale “centro propulsore per lo sviluppo di un’area che va dal Savuto a Montalto insieme alla Presila” evidenziando, altresì, l’esigenza di “uno sviluppo sostenibile che dia possibilità  di crescita endogena ed esogena nel rispetto delle vocazioni e delle programmazioni che i singoli territori si sono dati”. Il presidente della Comunità  montana del Savuto si riallaccia e riprende, inoltre, il progetto di Metropolitana Leggera di superficie Rogliano-Unical attraverso la linea delle Ferrovie della Calabria e delle Ferrovie dello Stato, in grado di collegare “direttamente fin dentro l’Università  ed in tempi ragionevolmente brevi, il Savuto, la Presila, l’area di Montalto, l’area del Tirreno, l’area dello Ionio e la stessa zona centrale di Cosenza da piazza Matteotti in 12 minuti”. “Un progetto ambizioso, certo, ma fattibile – conclude Colosimo – con risorse che, per quanto ci è dato sapere, sono immediatamente disponibili. Un progetto sul quale esiste già  una ipotesi (possiamo fornirne copia), che prevede un costo totale di circa 15 milioni di Euro”.
 
Gaspare Stumpo
 
Nella foto: il presidente della Comunità  montana del Savuto, Anna Aurora Colosimo.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com