“Vogliamo orari dei bus adeguati alle nostre esigenze”

STUDENTI e lavoratori di Caporose, Torre Spineto e Bocca di Piazza sono sul piede di guerra a causa di quello che ritengono un “adeguamento sbagliato” degli orari di ritorno del servizio bus sulla linea Cosenza- Parenti, avvenuto in coincidenza della riapertura degli istituti scolastici cittadini. Gli utenti delle contrade silane sono risentiti del fatto che la partenza dei pullman per le località  di residenza è stata posticipata dopo le ore 14, con conseguenti disagi per le quasi cento persone costrette ad una inutile attesa in città  e ad un ritorno a casa in netto ritardo rispetto al passato. I viaggiatori si sentono delusi “anche perché sono state recepite le istanze di Parenti centro e non quelle delle frazioni montane. La linea – spiegano – è collegata con cinque corse, non si potrebbero sistemare gli orari in modo da accontentare tutti?”. Gli utenti delle Ferrovie della Calabria si appellano quindi alla sensibilità  dei sindaci “affinché discutano, assieme all’azienda, di un piano di trasporto su gomma in grado di venire incontro alle esigenze degli abitanti della vallata, soprattutto a quelli delle località  di montagna che più di altri soffrono le difficoltà  dei collegamenti”. Tra i pendolari che si recano quotidianamente a Cosenza ci sono infatti donne che devono conciliare, con molto sacrificio, lavoro ed esigenze di famiglia. Intanto, sempre per quanto riguarda le Fdc, si è appreso che un gruppo di studenti del Savuto avrebbe danneggiato alcune suppellettili dell’autobus sostitutivo in servizio sulla tratta ferroviaria Colosimi-Rogliano. L’episodio, del quale sono stati informati i Carabinieri, sarebbe avvenuto intorno alle 13.30 di giovedì lungo la provinciale 70 in territorio di Scigliano.

Gaspare Stumpo

Fonte della Notizia: Il Quotidiano della Calabria.

 

 

 

savutoweb.it è anche su:

 

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com