Rogliano, Gallo presenta squadra e programmi

NEL CORSO di una cerimonia che ha segnato la presenza di dirigenti e iscritti di partito ma anche di cittadini ed esponenti del mondo dell’associazionismo, il sindaco uscente, Giuseppe Gallo, ha illustrato squadra e programmi in vista della consultazione elettorale per il rinnovo del Consiglio comunale di Rogliano. Gallo, ricordiamo, è alla guida di una alleanza formata da Pd, Rifondazione Comunista, Sel e indipendenti. Si tratta dell’unico schieramento in campo dopo la ricusazione della lista ‘Rogliano nel cuore’ – confermata pure in sede di Tar. L’attuale sindaco ha invitato ad andare a votare ed ha parlato di situazione particolare che non prevede confronti, che potrebbe avere ripercussioni in futuro in quanto, in caso di elezioni valide, il Consesso non si avvarrà  del contributo di un gruppo di opposizione regolarmente eletto. “Abbiamo pensato per questo – ha spiegato – ad una commissione di garanzia e di offrire la presidenza a Mario Buffone (candidato a sindaco della lista avversaria, nda)”. Gallo si è detto “convinto” della soluzione e di averne parlato durante un colloquio telefonico con lo stesso Buffone. Nel corso della iniziativa sono intervenuti Antonella Ambrogio, Pierfederico Cicirelli, Antonietta Russo, Oreste Sicilia e Giacinto Stumpo. Tutti alla prima esperienza in una competizione elettorale. Affiancheranno gli uscenti Giovanni e Mario Altomare, Salvatore De Rose, Daniele Gabriele, Carlo Gallo e Fernando Sicilia. Della lista fa parte Antonio Simarco, già  consigliere comunale e primo dei non eletti in Consiglio provinciale nelle fila di Rifondazione Comunista. Nel corso della manifestazione il sindaco ricandidato ha evidenziato i criteri (esperienza e innovazione) che hanno portato alla ‘costruzione’ di un raggruppamento che si pone in continuità  politica ed amministrativa con quello uscente per la stesura di programmi destinati alla gestione delle emergenze e allo sviluppo socio, culturale, economico ed urbanistico del territorio. Gallo ha risposto quindi alle domande di giornalisti, docenti e rappresentanti dell’associazionismo, ponendo l’accento sulla necessità  di migliorare il rapporto con i cittadini e le aree periferiche, ottimizzare quello con le agenzie educative (scuole, parrocchie e associazioni). Centrale, nel suo discorso, la questione ospedale. Il sindaco ha ribadito il proprio impegno a sostegno del ‘S. Barbara’ ed ha criticato l’azione sia del governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti che dei vertici dell’Azienda ospedaliera di Cosenza. “C’è un chiaro tentativo di chiudere la struttura. Ma dal 18 maggio – ha detto – la battaglia ricomincerà  più forte di prima”. 

G. St.


Nella foto: un momento della manifestazione promossa dal centrosinistra roglianese.

***

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com