Cosenza, al Morelli la rassegna ‘More’

NON SOLO teatro nella Stagione “More”, organizzata da Scena Verticale al Morelli. Il progetto che è valso il riconoscimento di residenza teatrale si caratterizza, infatti, per la sua multidisciplinarietà  che si traduce in una serie di iniziative che vanno oltre la produzione teatrale. A cominciare dalla finestra che “More” apre pur sempre sulla scena contemporanea, ma quella musicale. Lo fa con due appuntamenti, il primo dei quali mercoledì 17 aprile, alle ore 21.00. Ad inaugurare questa incursione nella musica è il calabrese Roberto Cherillo (autore delle musiche originali dello spettacolo “Italianesi” appena andato in scena al Morelli con grande successo), compositore e cantautore jazz, che proporrà  il concerto “Soffice” accompagnato dal contrabbasso di Sasà  Calabrese e la batteria di Fabrizio La Fauci. Ingresso 5 euro, con aperitivo. Secondo appuntamento musicale a maggio,con Il Circolo delle Quarte, quartetto jazz costituitosi all’interno del Conservatorio S. Giacomantonio di Cosenza, nel concerto “Nel dubbio suona”. Note biografiche Roberto Cherillo, pianista fuori dall’ordinario, la sua ricerca musicale è una costante sperimentazione, che nel corso del tempo ha identificato il canto quale passione principale. Di qui gli studi d’avanguardia sui timbri e sulla voce, passando dal cantautorato anglosassone alle influenze orientali per il canto armonico e non solo. Il primo album nel 2009, “L’isola della pomice” (Picanto/Egea) con il trio Omparty, che si aggiudica il premio “Suoni di Confine” al MEI di Faenza. Poi – nel 2011 – “Soffice” (Picanto record), il disco in duo (piano, voce, tromba) con il trombettista Luca Aquino, un lavoro di una forza espressiva ineguagliabile, tributo a Chet Baker. Il Jazzit Awards 2011 lo posiziona fra i dieci migliori lavori dell’anno, e Roberto Cherillo si classifica al terzo posto, dopo Gegè Telesforo e Mario Biondi, fra le migliori voci maschili, sia nel 2011 che nel 2012. Nella carriera di Cherillo anche il teatro: diverse le composizioni per spettacoli teatrali, la più recente delle quali quella per “Italianesi”, monologo di Saverio La Ruina (Premio UBU 2012 come miglior attore), della compagnia Scena Verticale, con il quale è in tour da più di un anno, suonando dal vivo. Un modo per vedere la musica in maniera differente, per Cherillo il teatro rappresenta un valore aggiunto al proprio percorso artistico.

Fonte: newsletter Morelli.

Data: 16 aprile 2013.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com