Lsu-Lpu, una vertenza dai contorni inquietanti con situazioni contraddittorie e spesso imbarazzanti per la classe politica calabrese

IL GOVERNO regionale ha annunciato l’erogazione di una mensilità in favore di precari Lsu-Lpu e maestranze forestali dopo l’incontro tra il presidente facente funzioni, Antonella Stasi, alcuni assessori e le delegazioni sindacali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl. La Giunta ha promesso il ritorno alla normalità già a settembre per quanto concerne il pagamento delle spettanze. Tuttavia, almeno per quanto riguarda gli Lsu-Lpu, la vertenza continua ad assumere contorni inquietanti con situazioni contraddittorie e spesso imbarazzanti per la classe politica calabrese, soprattutto per le posizioni (e le scelte) di alcuni consiglieri regionali di centrodestra e centrosinistra, in merito a provvedimenti di legge dal sapore più o meno elettoralistico. Pagamenti arretrati, contratti annunciati e mai stipulati, elenchi regionali a rilento, accordi bipartisan e un continuo scaricabarile tra Regione e Governo seguito alle decisioni del Governo Letta nell’ultima Legge di Stabilità rischiano di rendere ancora più ingarbugliata e, peggio ancora, esplosiva sul piano sociale, la vertenza degli Lpu-Lsu. Eppure, l’ex governatore Giuseppe Scopelliti aveva presentato, durante una mega-conferenza a Lamezia Terme, un percorso quasi in discesa per il Bacino di precari che da oltre 15 anni supporta l’attività della pubblica amministrazione sopperendo alle sue carenze con grande sollievo di sindaci ed amministratori locali. Anche il premier Renzi, il ministro del Lavoro Poletti (visita a Reggio Calabria) e alcuni parlamentari calabresi avevano promesso il proprio interessamento per la risoluzione delle ultime problematiche. In questi giorni, però, lo stato di agitazione indetto dalle organizzazioni sindacali e le manifestazioni previste per il 18 luglio prossimo a Catanzaro (Cgil, Cisl e Uil) e Reggio Calabria (Usb), sono lo specchio di una condizione (e di un fallimento) che continua a danneggiare i lavoratori mortificandone la dignità di persone, professionisti e padri i famiglia.

Francesco Lo Russo

Data: 15 luglio 2014.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com