‘Cosenza e i suoi talenti’: Palazzo dei Bruzi premia l’artista Grazia Calabrò. Iniziativa nella Sala Quintieri del Rendano

LA COMMISSIONE Cultura del Comune di Cosenza, presieduta da Claudio Nigro, assegnerà il 16 gennaio prossimo, presso la Sala “Quintieri” del Teatro “Rendano”, un riconoscimento all’artista Grazia Calabrò, cosentina d’adozione ormai da moltissimi anni, come omaggio alla sua intensa attività artistica e culturale. L’iniziativa della Commissione Cultura si inquadra nell’ambito della rassegna “COSENZA E I SUOI TALENTI”. Alla cerimonia interverranno il vice Presidente dell’organismo consiliare Maria Lucente, in veste anche di relatrice, e il consigliere Domenico Frammartino. Fra gli interventi previsti durante la cerimonia di premiazione quelli della Prof.ssa e Critico d’Arte Alessandra Primicerio e del Presidente dell’Associazione Culturale Gueci di Rende, Anna Laura Cittadino, che da sempre seguono il percorso artistico e culturale di Grazia Calabrò.

Il riconoscimento arricchisce e completa excursus artistico della pittrice: Grazia Calabrò, infatti, è riuscita, specie negli ultimi anni a raggiungere notevoli traguardi e ad essere apprezzata su tutto il territorio nazionale. La sua intensa attività artistica, in particolare, annovera la partecipazione a numerose rassegne di prestigio, nonché la vincita di concorsi d’arte altrettanto rilevanti.
Nello specifico, la pittrice, da autodidatta, ha svolto attività artistiche concentrate sia sulla pittura che sulla ricerca. Un primo filone di studio ha riguardo l’utilizzo di tecniche diversificate, al fine di esaminare l’impatto emotivo e l’effetto di profondità e spessore ottenibile utilizzando materiali diversificati.  Anche la sua arte figurativa, ricca di note introspettive, è stata valorizzata da noti esperti in campo artistico, ad esempio, in occasione del Premio Internazionale G. D’Annunzio – XXI Ediz. a Francavilla al Mare, evento in cui si è classificata al terzo posto su oltre 500 partecipanti. Le selezioni ad importanti e prestigiose mostre, quali la Rassegna artistica internazionale “Scambi d’Arte” – Museo MIIT TORINO – Mostra “ITALIA – U.S.A.”, il “Premio d’Arte città di Novara” (NO) e “La Galleria del Centro Storico di Signa” (FI) , hanno dato importanti conferme alla sua arte .

La ricerca artistica ha riguardato anche più forme d’arte, la sinergia che se ne può trarre, e l’approfondimento, in particolare, di aspetti riguardanti l’intreccio fra poesia ed arte visiva. Lo studio ha preso spunto dalle numerose liriche che poeti provenienti da varie parti d’Italia hanno dedicato alle sue opere raffinate ed eleganti, ispirati dalla loro osservazione.  Oltre alle opere pittoriche, anche i lavori grafici di Grazia Calabrò sono stati selezionati in eventi di prestigio: una delle sue ultime opere “Sguardo Maestoso” è stato scelta per illustrare il libro del famoso poeta e scrittore Dante Maffia, “Il leone non mangia l’erba”, Ediz. Ursini. Artisti e critici d’arte noti a livello nazionale ed internazionale scrivono di lei, fra questi, il Maestro Xante Battaglia e la Dott.ssa Grazia Chiesa, Direttrice della rivista d’Arte e Cultura D’Ars.

Data: 13.01.2014.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com