Ex Lsu-Lpu. Confial: “indietro non si torna!”. Proclamato lo stato di agitazione del Comparto

“STANTI le incertezze e soprattutto che siamo allo scadere dei termini per la presentazione di specifici emendamenti di maggioranza, essendo stati accantonati quelli di minoranza, la CONFIALConfederazione Italiana Autonoma Lavoratori, sindacato rappresentativo del settore, ha proclamato lo stato di agitazione dell’area ex LSU/LPU della Calabria, circa 4.700 lavoratori sfruttati nei Comuni calabresi da oltre un ventennio. La Confial ha indirizzato specifica comunicazione di rito alle Prefetture competenti e alla Commissione nazionale di garanzia sugli scioperi, avvertendo che in mancanza di convocazioni e di risposte adeguate si procederà ad indire manifestazioni pubbliche e il blocco di tutti i servizi gestiti nei Comuni da questi lavoratori, unendosi anche alla lotta proclamata dalle Confederazioni calabresi. Quindi non si escludono altre forme eclatanti quali manifestazioni a Roma e blocchi vari di arterie importanti.

É assolutamente inaccettabile questo stato di cose. Per un gioco politico delle parti, dopo che, per ben quattro anni, i governi nazionale e regionale hanno garantito puntualmente circa 88 milioni di risorse per i contratti a tempo determinato e quindi avviato il processo di stabilizzazione, oggi si torni indietro rimettendo sul lastrico circa 4.700 famiglie. Il Sindacato tutto, quindi CONFIAL, non farà sconti a nessuno. Pretendiamo: 1) la copertura finanziaria dei 5O milioni del governo in legge finanziaria, essendo stati storicizzati i 39 di sponda regionale; 2) le deroghe ai vincoli assuntivi nella pubblica amministrazione anche per gli Enti in dissesto; 3) il riconoscimento del ruolo sovrannumerrio per l’assunzione a tempo indeterminato di questa importante forza lavoro negli enti dove da anni, sfruttati dalla pubblica amministrazione, garantiscono servizi essenziali ai Cittadini per conto degli Enti. Qui, per noi della Confial, non si tratta di fare un favore ai lavoratori ma ai Comuni e ai cittadini calabresi, i quali, senza questa importante forza lavoro, sarebbero costretti a portare le chiavi dei Comuni alle prefetture di riferimento, poiché impossibilitati ad assicurare servizi primari. Inoltre per i lavoratori si tratta di una vera e propria azione risarcitoria per una ignobile condizione di sfruttamento subiti ad opera della pubblica amministrazione, quindi dello stato. Stiamo seguendo presso il Parlamento come Confial nazionale la situazione, ma nei prossimi giorni bloccheremo tutti i servizi”. Così il sindacato Confial in una nota a firma segretario nazionale Benedetto Di Iacovo.

Data: 04 dicembre 2018.

Fonte: Confial.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com