Rogliano, ripulito il gruppo di sei angeli all’interno del Duomo. Le statue risalgono ai primi anni del Novecento

L’Unità pastorale di San Pietro-Santa Lucia (parroci don Serafino Bianco e don Davide Gristina) ha disposto la pulitura di una “famiglia di angeli” realizzata presumibilmente tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento in concomitanza con la posa in opera degli stucchi, all’interno del duomo, per mano di Antonio e Alfonso Pallone da Miglierina. I due maestri lavorarono sulle finiture in stile Barocco della chiesa tra il 1897 e il 1905. Disposti in coppie nella cappella dell’Immacolata, sull’altare maggiore e nella cappella del Santissimo Sacramento, i manufatti avevano subito l’usura del tempo con conseguente rimozione e conservazione all’interno della sagrestia. Solo una coppia, che appariva in condizioni accettabili, veniva esposta durante il Novenario della Immacolata Concezione (Patrona della Città), poggiata su colonnine tortili in legno, a corredo dello scranno mariano. Il lavoro di pulizia è stato effettuato gratuitamente (e per devozione) da Antonio Stumpo. E’ stato opportuno intervenire con oculatezza e criterio ripulendo braccia, mani, ali, fiori, torce ed altri particolari decorativi. Un lavoro importante, meritevole di considerazione perché indirizzato alla tutela ed alla valorizzazione della Memoria per quanto concerne l’arte e l’architettura religiosa. Contesti quest’ultimi che, ricordiamo, costituiscono una pagina importante di microstoria. La “famiglia di angeli” è stata dunque risistemata e resa fruibile già da alcune settimane. E’ possibile ammirarla sull’altare maggiore, di contorno alla culla con il Bambinello esposto ancora per qualche giorno alla devozione dei fedeli.

Gaspare Stumpo

Data: 11 febbraio 2019.

Fonte: ‘Parola di Vita’.

Commenti
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com